cicli due ruote
cicli due ruote

Test comparativo 26" vs. 29"

Dopo aver spiegato in teoria,le differenze tra le 3 tipologie di ruote per mtb,ora passiamo alla vera e propria prova sul campo,dove cercheremo di trasmettervi le ns. impressioni sulle differenze tra i vari diametri. Iniziamo con la sfida piu’ classica al momento …26” vs. 29”

LE BICI

Le due bici in prova sono mtb che hanno dato molta soddisfazione ad i nostri clienti,e che vendiamo con grande piacere.

26”

Merida oNine anno 2010

Bici che fino a 2 anni fa,era una delle regine dei campi di gara internazionali,la bike in questione è un monoscocca in carbonio(telaio 980g) montata Sram X0 3x10,fork Sid race 100mm,cerchi mavic crossmax slr(Tubeless) peso 9,5kg

29”

Dedacciai SkylineEvo anno 2013

Bike prodotta da un nome storico italiano,di nuova concezione(sterzo conico) dal telaio monoscocca in carbonio(1200g)montata shimano XT 3x10,fork Reba 100mm,cerchi Fulcrum Red Power(tubeless) peso 11 kg

 

La prova si sviluppa su un giro stra-conosciuto,così da non distogliere attenzione.

La partenza è su un argine del fiume Po,piatto e parecchio dissestato. Appena imboccato, in sella alla 29”, le prime parole sono state …”sticaxxi!!” …abituato alla merida da 26,che in questi casi scalcia come un puledrino,in sella alla skyline è come pedalare sui rulli,nessuno scossone,basta pedalare e sembra di andare sul velluto. Imboccata la statale mi rendo subito conto del vantaggio dei ruotoni,bastano 10 pedalate per prendere il ritmo,poi la bici fila veloce con uno sforzo minimo, la velocità ,rispetto alla 26,si mantiene con molta mena fatica…e penso….”sticaxxi/2”.

Appena inizia la salita,la mia eccitazione iniziale,mano a mano si attenua,costatando quanto sia più impegnativa la 29,che richiede una pedalata “rotonda” e lineare. Io abituato con la mia hardtail da 26 a rilanciare,alzarmi sui pedali ed avere risposte secche ed immediate,sulla 29,fatico e comprendo che richiede un minimo di apprendimento per riuscire a trovare il giusto modo di pedalare …. e penso …”ahhh ecco”.

Quando inizia la salita sterrata mi accorgo di un ulteriore dote della 29,sullo sconnesso il grip è fantastico,la ruota offre una trazione eccezionale,anche la 26 non mi ha dato mai problemi,ma richiede ,nei punti ripidi,uno spostamento di peso in sella(arretrare o avanzare) che la 29 assolutamente non necessita ….e penso…”accipicchia”.

 

Finalmente inizia la mia passione,la discesa.

La prima parte è una discesa tecnica,un single track stretto e parecchio ripido con pietre,radici e canaloni. Qui con la merida da 26 ho sempre dato il meglio di me,spigolando,tagliando le traiettorie e facendola saltare sulle due ruote in caso di dossi o pietre,con la 29 la musica cambia. Le traiettorie devono essere più rotonde,e le linee pulite,cercando di passare più possibile all’esterno.Le spigolature son difficili da fare,ma dal canto suo,pietre,dossi e canaloni non sono da considerare,i ruotoni se li mangiano senza che il biker faccia nulla,nel complesso la 26 richiede più fisicita’ ma restituisce più divertimento..

La seconda discesa è una larga sterrata ,non particolarmente ripida ma sulla quale le velocità si fanno importanti,e qui che la 29 sfodera le sue doti. Le velocità sono alte,senza sforzi ,basta la solita guida pulita e difficilmente una 26 potrà impensierirci .Quindi affrontarla con la merida richiede manico e un pizzico di follia,per competere con la skyline .…..e a volte non basta !!…….pensiero…..”porcatrota”!!!!!

 

Fine del giro e ritorno a casa .Traggo le conclusioni.

La 29 è stabile,sicura,perdona i molti errori che si possono commettere e aiuta chi in discesa con la 26 non ha mai trovato il giusto feeling. In salita permette di superare quelle rampe che prima sembravano impossibili. Ma il rovescio della medaglia è che in salita è parecchio più dura,per questo la leggerezza del mezzo è fondamentale,e nello stretto,sia in salita che in discesa,si fatica di più a farla girare.

La 26 scalcia,sbanda e si impunta,ma quando i sentieri si fanno stretti e tortuosi ,sa ancora dire la sua,senza dimenticare la leggerezza che si può ottenere. In salita si pedala più sciolti ,potendo scattare e rilanciare in modo brillante. Ma anche qui i contro ci sono. Confort e velocità non sono paragonabili,tanto che dopo un giro in 29,tutte le contrazioni muscolari(spalle-collo)sono inesistenti,e quindi 60 km con una 26 ti stancano molto di più rispetto alla sorella maggiore.

 

Chiaramente il giudizio è soggettivo,questo è solo il parere di un biker,affezionato alle 26,ma che riconosce le doti delle ruote grosse!!A breve arriverà la 27,5 e speriamo di poter unire i pregi di entrambi i diametri …..restate collegati!!

 

A voi i commenti qui sotto!!

Commenti

Non sono ancora stati effettuati inserimenti.
Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Attenzione: tieni presente che i contenuti di questo modulo non sono criptati

La nuovissima big seven presentata da Hermida

differenze tecniche fra ruote mtb 26"-27,5"-29"


CONFRONTO TRA LE  RUOTE 26" / 27.5"  / 29"

Con tre diverse dimensioni delle ruote disponibili è più facile scegliere. Innanzitutto è importante identificare la tipologia di bici che si desidera acquistare. E' importante poi verificarne la geometria per essere sicuri che sia adatta al proprio stile di guida. Un diametro maggiore delle ruote può essere migliore ma bisogna prestare attenzione all'escursione.

Un miglior scorrimento è senza dubbio la caratteristica principale delle ruote da 29", perfette quando il terreno è roccioso perchè rendono la guida più facile. Queste ruote, inoltre, garantiscono una trazione maggiore rispetto a quelle da 26" perchè c'è un maggior contatto tra la ruota e il terreno.

Quando si tratta di scegliere tra le due ruote i rider di statura più bassa sono sicuramente indecisi. Da un lato le ruote da 29' hanno per loro notevoli benefici ma spesso a discapito del confort. Inoltre l'aumento del peso riduce la potenza impressa alla pedalata e la bici non "risponde" così velocemente agli imput impressi dal biker.

ACCELERAZIONE

Il diametro e la massa influenzano l'accellerazione della ruota. Le ruote da 29" hanno sia un diametro che una massa maggiori e quindi necessitano di maggior energia e tempo per l'accellerazione. Quelle da 26" accellerano più velocemente e quelle da 27.5" si trovano tra le due.

ANGOLO DI ATTACCO

Dimensione delle ruote e angolo di attacco sono inversamente proporzionali. Questo significa che le ruote più grandi fanno sembrare piu' piccolo un ostacolo.

PESO

Il peso totale di una ruota da 27.5" è solo il 5% (+ 140g) in più rispetto ad una da 26" mentre quella da 29" pesa I' 11% (+ 430g) in più. I calcoli sono effettuati sullo stesso tipo di ruote anteriori e posteriori con Io stesso copertone. Il peso base per una ruota da 26" è 2450 gr.

SCORRIMENTO

Una ruota piu' larga supera gli ostacoli più facilmente per il suo diametro maggiore. Inoltre non influisce negativamente sulla velocità dopo che si è superato l'ostacolo.

TRAZIONE

Maggiore è il diametro della ruota e maggiore è io contatto con il terreno e maggiore è la trazione. Questo si traduce in maggior controllo in frenata.

IMPULSO

Maggiore è il diametro della ruota e maggiore è l'impulso. Questo significa che la ruota continua a girare anche nei terreni sconnessi senza rallentare la corsa.

I RISULTATI


RUOTA 26'

PRO

  • Piu' reattività.
  • Migior accellerazione.
  • Funzionano meglio con escursione maggiore.
  • Perfette nelle bici di taglia piccola.
  • Parte bassa del carro più corta.
  • Maggior resistenza per i raggi più corti.

CONTRO

  • Meno superficie per la trazione.
  • Roll-Over limitato.
  • Agiltà.
  • Meno peso e meno effetto giroscopico.
  • Maggior sollecitazioni sulle sospensioni.

RUOTA 27,5'

PRO

  • Maggior Roll-Over rispetto alla 26'
  • Maggior impulso
  • Meno peso rotazionale rispetto alle 29'.
  • Più escursione nella progettazione telaio.
  • Parte bassa del carro più corta.
  • Ottimo rapporto tra stabilità e performance.
  • Geometria simile alla 26'.
  • Buon compromesso tra agilità e impulso.

CONTRO

  • Meno peso

RUOTA 29'

PRO

  • Migliore scorrimento.
  • Massima Trazione.
  • Migliore stabilità.
  • Meno sollecitazione sulle sospensioni.
  • Migliori nei telai con taglie più grandi.
  • Maggior stabilità nelle curve

CONTRO

  • Escursione massima 130mm.
  • Limiti nell'utilizzo con telai di taglie piccole per l'altezza manubrio/ruote.
  • Maggir inerzia con velocità limitata.
  • Maggior usura trasmissione.

 

 

fonte web

Contatti

cicli due ruote

Via Italia, 4 Chivasso (TO)

011 9109178

P.I. 06410660010

Orari d'apertura

lunedi 15.30-19.30

dal martedi al sabato 9.o0-12.30  15.30-19.30

Tweet di due ruote chivasso @dueruotepaolo
Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© ciclidueruote Via Demetrio Cosola 34 10034 Chivasso partita iva 06410660010